Logo EroicaPosso affermare con serenità che l’idea di inserire nel libro “Digital Marketing per lo Sport” della Hoepli, le case history di marketing digitale sportivo tra le più interessanti, sia nata proprio intorno a questo primo progetto sull’Eroica di Gaiole in Chianti. Volevo avere la possibilità di raccontare cosa si celava dietro questo brand che mi aveva colpito sin dal primo istante. Così ho contattato Amedeo Polito, Global Event Coordinator di tutti gli eventi e cicloclub eroici, che mi ha aperto le porte del mondo eroico nel Web.

Quella dell’Eroica è una strategia di marketing perfetta con un’integrazione a tutto tondo tra visual, comunicazione, grafica social & Web, merchandising… insomma un gigante mediatico capace di attirare decine di migliaia di persone nei due festival principali di Gaiole in Chianti e del Derbyshire (Eroica Britannia), le cui presenze nel 2016 sono state pari a 50.000 appassionati. Sono 10 le tappe in tutto il mondo dal Giappone alla Spagna, nate per diffondere uno sport che non c’è più:

una rievocazione storica del ciclismo d’altri tempi.

L’Eroica non è una gara

Non è difficile raccontare la storia e l’avventura dell’Eroica.

Guai a chiamarla gara.

L’Eroica è una cicloturistica d’epoca non competitiva dal sapore tutto italiano che attira ciclisti da ogni parte del mondo. Gaiole in Chianti subirà una profonda trasformazione nel prossimo weekend: dal 28 settembre per quattro lunghi giorni, verremo portati indietro nel tempo, ai fasti di Coppi e Bartali, di quei campioni che hanno impresso le loro impronte nella storia sportiva italiana e nell’immaginario di un popolo intero.

Manifesto Eroica

L’Eroica di Gaiole in Chianti

È un viaggio che si snoda attraverso 5 percorsi sulle strade bianche della Toscana (dai 6km ai 209km) e può essere affrontato esclusivamente con biciclette costruite prima del 1987 e con abiti della stessa epoca, in una multicolore festa di appassionati di tutte le età provenienti da ogni paese del mondo. L’Eroica è la rappresentazione di uno sport fatto di fatica e tradizione, di sacrificio e passione.

L’Eroica e quello che Giancarlo Brocci, il padre della manifestazione, ha condensato in una frase: vogliamo far riscoprire la bellezza della fatica e il gusto dell’impresa.

Il ricordo di Luciano Berruti

Quest’anno l’Eroica avrà un significato ancora più importante: ci sarà un vuoto lasciato da Luciano Berruti, la leggenda del ciclismo eroico, scomparso il 13 agosto scorso accanto alla sua bici… da eroico qual era. Giancarlo, a lui molto legato, e tutti coloro che lo amavano tanto hanno voluto intitolare a Luciano il primo tratto di strada bianca dell’Eroica, quello del Castello di Brolio, oltre alle altre mille piccole attenzioni che verranno riservate alla sua memoria nel corso dei tre giorni di festa, la prima senza Luciano.

Sportdigitale all’Eroica

Anche Sportdigitale sarà a Gaiole in Chianti per raccontare il Festival attraverso un diario di viaggio in due lingue, fatto di immagini, video e parole per poter abbracciare più eroici possibile e le loro storie.

Alessandra Ortenzi e Francisca Gutierrez seguiranno i percorsi e gli eventi. Ci sarà anche un appuntamento con il libro “Digital Marketing per lo Sport” previsto, secondo il programma che trovate sulla pagina del Sito Ufficiale, sabato pomeriggio presso l’Auditorium delle ex Cantine Ricasoli. Infatti, nel pomeriggio dedicato all’Incontro con l’Autore,  8 magnifici libri, che raccontano le più belle emozioni in bicicletta, verranno presentati da Sergio Meda.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *